Persone Sport

Separati alla nascita: Alexey Spiridonov e Tintin

Non sono stata la prima. Ne è testimone la foto di Volleywood segnalatami su Facebook dal solerte Fabio Domizi, speaker della Cucine Lube Banca Marche Macerata, quando dopo giorni in cui cercavo di fare mente locale, finalmente mi si è accesa la scintilla. Un tweet per essere sicura di non essere visionaria: “Ma solo a me #Spiridinov sembra #tintin #volley #Russia-Brasile #FIVBWorldLeagueFinals”. La risposta immediata e la certezza che non sarò l’ultima. Perché la somiglianza è pazzesca. 

Alexey Spiridinov, schiacciatore della Russia che si è appena messa al collo la terza medaglia d’oro della World League, è la copia esatta di Tintin, il reporter nato dalla matita del belga Hergé. 

I cattivi con cui Tintin si confrontava erano spie, falsari, trafficanti di droga e schiavisti. Il nostro Alexey, invece, si confronta con le battute avversarie e cerca di eludere muri inventando traiettorie che finiscano entro i nove metri del campo avversario.

Certo è che se Hergé ha avuto un modello al quale si è ispirato, questo deve essere un lontano parente di Alexey. Qualora i belgi volessero rinforzare le file della propria nazionale, i russi stiano in campana.

Separati alla nascita: Alexey Spiridonov e Tintin ultima modifica: 2013-07-23T20:05:00+00:00 da Mariella Caruso

Sull'autore

Mariella Caruso

Lascia un Commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.