Persone Sport

Katarina è di nuovo in vetta

Katarina non si trucca mai prima di una partita, rifiuta atteggiamenti da pin-up e preferisce che le dicano brava piuttosto che bella. Brava lo è davvero Katarina, croata di Zagabria. Dopo sette giornate di campionato e 28 set giocati comanda la classifica delle marcatrici dell’A1 femminile di pallavolo con 140 punti. Gli ultimi 20 li ha aggiunti al conteggio sabato sera a Busto Arsizio dove, con l’Asystel Novara, è andata a prendersi la vittoria contro la YamamaY in un palazzetto la cui frequentazione è una gioia per lo spirito (ma questa è un’altra storia che magari poi vi racconterò).

Quella di Katarina non è solo una storia di pallavolo. E’ una storia di ferrea volontà e grande determinazione. Una delle tante che accomunano sportivi in ogni parte del mondo. Il grave infortunio alla caviglia dell’ottobre di due anni fa sembrava il preludio a un addio precoce al volley dell’opposta che aveva appena lasciato l’Italia per il campionato rumeno. Ma, a dispetto di chi pensava il peggio, Katarina non ha mai mollato.

Non ho mai pensato di non farcela – mi ha detto in un’intervista che potete leggere su Pallavolo Supervolley di gennaio -. Nemmeno quando ho visto la mia caviglia girata in maniera innaturale, come capita solo negli sport di contatto. Subito dopo l’operazione servita a rimetterla a posto la prima domanda è stata: ‘Quando posso tornare a giocare?’. Nessuno voleva darmi una risposta”.

Così la risposta l’ha cercata da sola con l’aiuto di una fisioterapista di famiglia: la mamma di Martin, che di cognome fa Susnjar, e da qualche mese è il marito di Katarina. “Stiamo insieme da sette anni e da cinque mi segue nei miei spostamenti – ha continuato la schiacciatrice -. Io gioco a pallavolo, lui a basket. Siamo una famiglia sportiva e forse per questo ci omprendiamo molto”.

Da qualche mese Katarina è tornata in Italia per rimettersi in gioco mettendosi al servizio del progetto verde dell’Asystel Novara dove nonostante i suoi 27 anni è con il libero Stefania Sansonna tra le veterane della squadra. A tirare i fili dalla panchina c’è Giovanni Caprara, oro mondiale nel 2006 alla guida della Russia nonché marito di un monumento come Irina Kirillova. “Il problema – sottolineava Katarina dopo poche giornate di campionato – è conciliare continuità e gioventù”. Dopo le ultime due vittorie con la Scavolini Pesaro e con la YamamaY Busto Arsizio la strada imboccata sembra quella giusta.

Ps: proprio perché Katarina rifiuta atteggiamenti da pin-up mi ha chiesto di sostituire le foto con immagini di gioco che mi ha indicate. Quelle pubblicate sono state concesse dal sito VivoVolley che ringrazio.

Katarina è di nuovo in vetta ultima modifica: 2011-01-17T21:16:00+00:00 da Mariella Caruso

Pubblicato il: 17 gennaio 2011   

Sull'autore

Mariella Caruso

Lascia un Commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.