Musica Persone

Le note “abbigliate” dall’orchestra di Musica Nuda




C’è pure la firma di Pippo Rinaldi, in arte Kaballà, in Banda Larga, il nuovo disco dei Musica Nuda, ovvero il duo voce e contrabbasso Petra Magoni e Ferruccio Spinetti, uscito ieri su etichetta Blu Note. Il musicista etneo, insieme con Susanna Parigi, ha regalato ai due artisti il testo di Carica erotica, uno dei venti brani – tra questi Les Tam-Tam du Paradis di Paolo Conte, Le cose di Francesco Bianconi dei Baustelle e Spina Dorsale con Joe Barbieri – del primo disco “abbigliato” dei Musica Nuda registrato con l’orchestra da camera delle Marche diretta per l’occasione da Daniele Di Gregorio, che si è occupato anche dell’arrangiamento dell’album. 

«Un po’ come si fa per i compleanni importanti, abbiamo voluto festeggiare i dieci anni di carriera vestendo la nostra musica, che spoglieremo subito dopo, con l’orchestra», spiega Petra Magoni. «La scelta più difficile è stata quella dell’arrangiatore, ma Daniele (Di Gregorio, ndr) è stato un maestro. Non è un caso che da vent’anni lavori con Paolo Conte», aggiunge Spinetti a conclusione dello show case di presentazione di Banda Larga


Un’esibizione senza orchestra, ma in trio con Daniele Di Gregorio alla marimba a impreziosirla, che riesce a lasciare tutti in rigoroso e stupefatto silenzio. Lo stesso trio sarà spesso ricomposto nel tour, al via dalle Marche («In omaggio al nostro incontro artistico sul palco di Grottazzolina») il 21 febbraio, che toccherà anche la Francia, l’Austria, l’Inghilterra, il Portogallo (in Um outro Olhar Petra Magoni si cimenta con il portoghese). «Dove potremo, come a Pordenone, ci faremo accompagnare dall’orchestra. A volte saremo in trio con Daniele Di Gregorio. Tutte le altre volte spoglieremo la nostra stessa musica per fare una cover di noi stessi», spiegano Petra e Ferruccio, anche loro facenti parte della schiera degli esclusi del Festival di Sanremo




«Non ci sono rimasto male – rivela Spinetti, che il Festival l’ha vinto nel 2000 quando era parte degli Avion Travel -. Capisco che a partecipare solo soltanto 14 artisti e magari le canzoni belle erano molte di più. Per il giudizio finale, però, aspetto di ascoltarle». «Al Festival è bello andare se si rimane coerenti con il proprio progetto. Pensavamo di poter avere i pezzi giusti, visto che erano stati arrangiati per orchestra», aggiunge Petra Magoni, a Sanremo con poca fortuna nel 1996 e nel 1997. «Ma erano pezzi inutili che non convincevano me per prima. Invece – aggiunge – sono contenta dei percorsi alternativi che percorriamo con Ferruccio da dieci anni con grande entusiasmo». 




Un entusiasmo vincente e «un’onestà intellettuale, perché – rimarca Spinetti – un disco lo facciamo quando ne sentiamo l’esigenza artistica a costo di litigare con la casa discografica», che i Musica Nuda vogliono contagiare. «La crisi non può fermare tutto – concludono -, ci è sembrato giusto investire nella musica per dimostrare la perseveranza paga». 



(Pubblicato su La Sicilia del 30 gennaio 2013)

Le note “abbigliate” dall’orchestra di Musica Nuda ultima modifica: 2013-01-31T22:54:00+00:00 da Mariella Caruso

Pubblicato il: 31 gennaio 2013   

Sull'autore

Mariella Caruso

Lascia un Commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.