Lifestyle

Via Padova… questa sconosciuta

Della zona di via Padova, a Milano, conosco la parrocchia San Giovanni Crisostomo di via Cambini. Mia figlia per un paio d’anni ci ha frequentato il gruppo scout Milano68. E nel quartiere, come è d’uso tra gli scout, bambini e ragazzi del Milano68 andavano in giro per offrire torte e manufatti per finanziare il gruppo. Quello di via Padova è un quartiere multietnico. Solo che multietnico non significa ‘ghetto’. A meno che qualcuno non permetta che questo accada. Come? Non favorendo l’integrazione. Isolando chi è diverso. Facendo poco per lo sviluppo della legalità. Legalità che non ha colore, né nazionalità. Come l’illegalità. E illegalità non fa rima con clandestinità. A patto di non voler seguire la scellerata equazione clandestino=delinquente introdotta da legislatori folli che hanno dimenticato che l’Italia, prima di essere terra d’immigrazione è stata terra di emigranti. Di mantenimento della legalità dovrebbero occuparsi le forze dell’ordine, prima che le situazioni si incancreniscano. E in via Padova, dove le bande sudamericane e gli spacciatori (entrambi da catalogare tra i reali problemi di ordine pubblico) sono una realtà che necessitava di attenzione ben prima che l’omicidio di un giovane egiziano che si tende a dimenticare, facesse scoppiasse la guerriglia urbana.

Ma torniamo in via Padova. Dove vive tantissima gente onesta: italiani, egiziani, marocchini, cinesi, sudamericani e chissà quanta altra gente di svariate nazionalità. Che magari saranno clandestini ma nulla più. E’ in via Padova che nata l’Orchestra di via Padova (foto), composta da musicisti professionisti italiani e stranieri che, per i motivi più diversi, hanno attraversato la zona compresa tra via Padova e viale Monza. In via Padova c’è l’istituto comprensivo ‘Casa del Sole’ del Parco Trotter dove oltre la metà dei 900 alunni iscritti hanno cittadinanza non italiana e dove ieri è partito un laboratorio di scrittura creativa per bambini.

Anche questa è via Padova, un luogo di convivenza civile e di integrazione possibile.

Via Padova… questa sconosciuta ultima modifica: 2010-02-17T00:39:00+00:00 da Mariella Caruso

Sull'autore

Mariella Caruso

1 commento

  • Ieri sera c’erano due camionette della Polizia all’ingresso di via Padova, e pattuglie a sirene spiegate che percorrevano avanti e indietro viale Monza. Si accettano scommesse su quanto durerà

Lascia un Commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.