Persone

A tu per tu con Alessio Spataro, autore de ‘La ministronza’


Trentatre anni, catanese adottato dalla città eterna, fumettista di professione, baby sitter e illustratore per l’editoria per campare. L’ultima notazione la dice lunga su Alessio Spataro, balzato agli onori della cronaca generalista dopo che la sua Giorgia Mecojoni, personaggio principe del blog giorgiamecojoni.blogspot.com, è diventata la protagonista del volume ‘La ministronza’ (editore Grrržetic). Delle avventure dell’«eroina tagliata male per i fumetti», ispirata liberamente al ministro della Gioventù Giorgia Meloni, è iniziato il conto alla rovescia per il secondo volume che sarà presentato al NapoliComicon (30 aprile-2 maggio). Volume che, come il primo, probabilmente si attirerà strali bipartisan del mondo della politica e rinnovate accuse di maschilismo. «Naturalmente maschilista non lo sono – afferma Spataro -. Ed è vero che sono stato criticato da tutto l’arco parlamentare che però non è riuscito a screditarmi. Chi non si è fermato alle apparenze, infatti, spulciando nel mio lavoro ha trovato molto di più di quel fumettista scurrile per il quale volevano farmi passare».
Quando diventa fumettista Alessio Spataro?
Nel 1999 al termine del corso biennale alla Scuola del fumetto di Milano frequentata dopo aver abbandonato gli studi universitari in Scienze politiche a Catania. Nonostante mi piacessero tante materie, infatti, feci la scelta di seguire la mia passione preferendo essere un disegnatore impegnato nella letture che mi piacciono piuttosto che un laureato che si divertiva a disegnare. Dopo la scuola ho cominciato lavorando con Cuore, nell’ultimo anno della sua pubblicazione. Poi dopo diverso tempo trascorso a collaborare con diverse riviste con storie brevi, mi sto dedicando alla pubblicazione di volumi monografici di storie a fumetti.
Facciamo un passo indietro, quando arriva la consapevolezza di volersi dedicare completamente al fumetto?
Mi sono trovato bene con questo mezzo di comunicazione sin da quando leggevo Topolino. Un fumetto che, ho scoperto dopo, è molto originale nella scelta degli autori dei quali, da ragazzo, mi divertivo a riconoscere il tratto. Poi mi sono avvicinato al fumetto d’autore e ai personaggi d’avventura come Nathan Never, Sprayliz di Enoch o Cyber Sex di Carlos Meglia.
Il primo disegno che ricorda?
Una caricatura di tre professori fatta nel retro di un armadio alla media ‘De Roberto’ di Catania che, per fortuna, non è mai stata scoperta perché sennò mi avrebbero bocciato subito. Magari è ancora là.
L’aver lasciato la Sicilia l’ha cambiata?
Milano mi ha spinto ad imparare a scegliere autonomamente i miei tempi di lavoro sacrificando il mio tempo libero e il divertimento. Lo faccio anche adesso perché ancora in Italia non è possibile mantenersi facendo solo il disegnatore.
La ‘Ministronza ‘, però, le ha dato una certa notorietà…
Purtroppo, perché io non ho fatto solo lavori satirici. Oggi il lavoro di cui vado più orgoglioso è ‘Zona del silenzio’, un romanzo a fumetti sul caso dello studente ferrarese Federico Aldovrandi realizzato con il soggetto di Checchino Antonini, giornalista che ha seguito il caso di cronaca. Ma avevo già narrato il G8 di Genova.
C’è un personaggio di cui vorrebbe la paternità?
Di tutti quelli che mi piacciono, ma li avrei fatti tutti male. Mi piacerebbe disegnare come Carlos Meglia. Il mio obiettivo , però, rimane quello di smettere di fare il baby sitter, anche perché i bambini che seguo crescono, e riuscire a vivere del mio lavoro.
Ha mai pensato di andare a lavorare all’estero?
Sì, ma anche di tornare in Sicilia dove sono molte le persone che, dopo aver studiato, non riescono a vivere della loro professione. Questo genera rabbia che metto nell’ironia e nel sarcasmo che uso per descrivere, con amore e odio (Cartolina da Portopalo e Qatania sono due strisce che si trovano nel sito www.pazzia.org, ndr), la mia terra dove continuo a tornare spesso e con piacere.

(mia intervista pubblicata su Eventi del 28 marzo 2010)

A tu per tu con Alessio Spataro, autore de ‘La ministronza’ ultima modifica: 2010-04-14T06:02:00+00:00 da Mariella Caruso

Pubblicato il: 14 aprile 2010   

Sull'autore

Mariella Caruso

4 commenti

  • L’altra sera ascoltavo la meloni a tetris quando a domanda precisa ha risposto che non aveva intenzione di querelarti. Mi sono chiesta perché, considerando la serie di insulti indecorosi che le hai rivolto per guadagnare due soldini. Oggi, per caso, capito qui e vedo la tua foto. Ora tutto è chiaro: bisogna avere tolleranza per chi è stato tanto maltrattato dalla natura. Avendo letto le strisce che scrivi senza alcun talento, sapendo che tenti disperatamente di affermarti come il satirico che NON sei ed ora, guardandoti in faccia, è evidente che infierire su di te sarebbe superfluo.

    Emanuela Gagliardi

    Ps. Per quanto riguarda il lavoro… hai mai pensato di andare a zappare? Secondo me un po’ di sano esercizio fisico non potrebbe che farti bene.

  • Emanuela, secondo te insultare la gente in base all’aspetto fisico è sinonimo di grande personalità, tolleranza e maturità? Le critiche sono segno di democrazia, le offese di poca educazione! Ps. Einstein non mi è mai sembrato un top model, Warhol e Leonardo esteticamente non avevano niente a che vedere con Sergio Muniz…

  • Emanuela vorrei tonto vedere io una tua foto!
    Dalle tue parole, però, immagino già che persona tu sia..ottusa, intollerante, superficiale, incapace di alcun tipo di ironia e di guardare oltre alle apparenze!
    Forse sei così abituata a lobotomizzarti il cervello guardando i palestrati del grande fratello e le veline da aver dimenticato che la realtà e la normalità sono altre nella vita!

  • Quando una persona non riesce a trovare REALI motivazioni, punta ovviamente su banalità come aspetto e carriera. Tipico di chi non sa apportare nulla di positivo in un dibattito ma solo stupido rancore. La Ministra Meloni è dichiaratemente fascista, il fascismo in Italia è ANTICOSTITUZIONALE, ecco perchè la signorina non querela perchè la base della satira è reale. Faceva parte di gruppi violenti e razzisti. Merita tutto lo sdegno possibile. Vergognati.

Lascia un Commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.