Mariella's Blog

Stazione fantasma alla Nuova Fiera di Roma


Costretta ad evadere il pagamento del biglietto di Trenitalia nella tratta regionale Nuova Fiera di Roma-Roma Ostiense del treno Fiumicino-Fara Sabina. ‘Costretta’ perché alle 9 del mattino, a battenti della Fiera dove da lì a poco si sarebbe inaugurato il ‘Cosmofarma’ ancora chiusi, non mi è stato possibile acquistare il prezioso tagliando.

Del resto la stazione suddetta consta di una pensilina, due obliteratrici (una per binario), due tabelloni (sempre uno per binario) indicanti il solo treno in transito… e poi il nulla. Non c’è personale, non c’è un tabellone informazioni sugli orari dei treni. In realtà non c’è neppure una stazione, solo due marciapiedi in mezzo al niente… figuriamoci se qualcuno abbia pensato di installare una macchina emetti-biglietti. Troppa grazia!

I biglietti, infatti, li vendono solo dentro i padiglioni, ergo se qualcuno non locale come me si trovasse a volersi allontanare dalla Nuova Fiera di Roma (nata in mezzo alle campagne tra la Magliana e Fiumicino) ad orari non congeniali a quelli delle esposizioni, purtroppo per Trenitalia, il biglietto sarà evaso nella maggior parte dei casi.

E dire che anche i più sbarbatelli tra i progettisti sanno che le infrastrutture e la logistica sono fondamentali quando si realizza un’area espositiva tra l’altro presentata come il fiore all’occhiello del network fieristico laziale. Probabilmente per Roma sarà stata votata una norma sul ‘legittimo impedimento’ ad usufruire di una rete di trasporti degna di questo nome.

About the author

Mariella Caruso

1 commento

Leave a Comment