musica

Finardi presenta Fibrillante, un “disco di lotta” che racconta anche le donne



Più che un disco, Fibrillante, con il quale Eugenio Finardi torna dopo quindici anni di assenza dalla scrittura, è un trattato di sociologia adattato ai nostri tempi. Dieci canzoni «di lotta» in cui lartista di Extraterrestre e Musica ribelle torna in quel ruolo di cantautore dal quale, proprio 15 anni fa, si era allontanato perché gli era diventato «estremamente stretto», tanto da farlo sentire «agli arresti domiciliari»

«Pensavo – ha spiegato – che la mia spinta creativa si fosse esaurita, avevo perso la bussola e decisi di inseguire altre strade passando dal fado al blues, dallomaggio a Vysotsky alla musica classica con lincredibile lesperienza di entrare alla Scala di Milano».


Tutto è cambiato in quei tre giorni dellottobre 2012 in cui, insieme con la Band (al secolo Marco Lamagna, Paolo Gambino, Claudio Arfinengo e Giuvazza) non entrò in una sala prova della Torino operaia per «vomitare le idee racconta presentando il disco uscito ieri su etichetta Universalpoi germogliate nella primavera del 2013, in coincidenza con una mia tempesta ipertiroidea che mi fece diventare un fibrillante». Da qui il titolo del disco di inediti, che è anche quello del testo del brano omonimo, cronistoria dellipertiroidismo e della fibrillazione atriale della quale lartista milanese è stato vittima fino alla cardioversione elettrica

Tutto il resto del disco, invece, è frutto della collaborazione di Max Casacci, che lo ha prodotto, della Band, di Gigi Giancursi e Tommy Cerasuolo dei Perturbazione, di Manuel Agnelli degli Afterhours e di Patrizio Fariselli che suona il piano nellassolo di Me ne vado, «brano micro conferenza che chiude il nuovo lavoro». Una micro conferenza di economia che riassume il senso di Fibrillante.

«Un disco di lotta nella quale mi chiamo dentro sottolinea -. Trovo che i compensi di uno come Marchionne sono assolutamente osceni, che c’è unassurda disgustosa ricchezza di pochissimi buttata in faccia agli altri. Così come trovo osceno e perverso spendere 12.000 euro per una borsetta. Stiamo vivendo un nuovo Medioevo che deve essere combattuto, con pochi prìncipi che detengono la ricchezza e tutti gli altri ridotti a servi della gleba». Come? «Con qualcuno che organizzi la voglia di rovesciare tutto, ma a livello globale. Ci vuole un nuovo Gandhi o Mandela. Colui che più ci si avvicina, anche se puòsembrare strano sentirlo dire da me, è papa Francesco, la figura più rivoluzionaria della nostra epoca».

Fibrillante, però non è solo un disco di lotta. Capita, infatti, che la rabbia di Come Savonarolao Me ne vado, lasci il palcoscenico alle emozioni di Cadere sognare, ispirata da un disoccupato sardo, e Storia di Franco che getta uno sguardo sulle difficoltà dei padri separati. 

Questultima canzone, spiega Finardi «è nata di getto dopo lincontro scioccante con un ex discografico con la vita devastata dalla separazione. Non è un brano polemico, ma una riflessione sugli uomini che subiscono con una perdita di senso, ruolo e dignità il cambiamento dei rapporti tra uomo e donna»


Donne ben rappresentate in questo album nel quale «le canzoni al maschile sono tutte incazzate e quelle al femminile rassicuranti e calde»

«Trovo che gli uomini a una certa età si trovino ad avvizzire, mentre le donne, se accettano il passare del tempo senza cadere nella trappola del canotto, si accendano di una luce interiore straordinaria che vedo in mia moglie, che vedevo in mia madre e nella sua amica Emma, che oggi ha 102 anni, che vedevo in Rita Levi Montalcini», dice parlando di Lei sillumina. Mentre con Le donne piangono in macchina, laltra canzone al femminile, scritta dieci anni fa con Vittorio Cosma, Finardi entra nellanimo profondo dellaltra metà del cielo e nell’«incapacità di molti uomini di riuscire a rivolgere alle donne quelle parole che permetterebbero loro di risplendere»


Argomenti tutti molto seri che si alleggeriscono quando Finardi si mette a parlare dei rapper, «gli interpreti della musica ribelle contemporanea», e del suo divertimento a «freestylare inventando rime dure» mentre sta in auto; dei talent show, «spettacoli televisivi che dimostrano come la cultura musicale italiana sia al collasso», e dei suoi post su Facebook che non tralasciano le foto di torte appena sfornate. «Ho scoperto conclude – che se sviluppo una teoria sociologica prendo 8000 like, con una torta arrivo a 58.000».

@mariellacaruso
@volevofare


(Pubblicato quasi pedissequamente sul quotidiano La Sicilia del 29 gennaio 2014)

About the author

Mariella Caruso

Leave a Comment