spettacolo e tivù

Diario dal Festival di Sanremo 2017/Lunedì

 

Greta Menchi come appare in un post sulla sua pagina Instagram che conta 1,6 milioni di fan

Greta Menchi come appare in un post sulla sua pagina Instagram che conta 1,6 milioni di fan

Greta Menchi, chi? All’annuncio della composizione della Giuria degli esperti di Sanremo 2017 la domanda su chi fosse tal Greta Menchi, e soprattutto a quale titolo fosse stata chiamata a sedere tra gli esperti, è andata per la maggiore. Ma se al secondo quesito potrà dare risposta solo il direttore artistico Carlo Conti, sul chi sia le indicazioni sono più chiare. Greta Menchi è una 21enne vlogger (una blogger in video, per intenderci) romana con oltre 1.135.200 iscritti sul suo canale youtube, 499mila su twitter, 451mila su Facebook e 1milione e 600 mila su Twitter. In questo 2016 ha pubblicato il suo primo libro dal titolo “Il mio libro sbagliato”. Segni particolari: amica di Fedez che dallo scorso agosto gestisce la sua immagine attraverso da Newtopia. «Newtopia è un management, non si tratta di discografia. Domani non diventerò Rihanna», scriveva allora la giovane Greta che non ha – almeno a leggere i dati che la riguardano – alcuna esperienza musicale. Lo sapranno il presidente di giuria, Giorgio Moroder, che ha negli anni ’70 ha fatto ballare il mondo intero con la sua disco music, e i compagni di viaggio Linus, Andrea Morricone, Rita Pavone, Paolo Genovese, Violante Placido e Giorgia Surina?

 

Il portachiavi Carlo

Il portachiavi Carlo

IL PORTACHIAVI “CARLO”. Una questione di genere. Così si può definire la comparsa in sala stampa dei portachiavi con effige “carlocontesca” nella sua migliore abbronzatura. «Perché lui deve poter regalare i fiori alle signore che arrivano sul palco e io niente ai signori?», racconta di essersi chiesta la signora Maria De Filippi detta Queen Mary o, alla Roberto D’Agostino, Maria La Sanguinaria. La folgorazione è stata il portachiavi succitato che Maria promette di regalare ai concorrenti in vece dei fiori. «Questa cosa sta sfuggendo di mano», argomentava Conti tra il serio e il faceto, «speriamo non ci mettano la chiave del bagno». A fra poco per scoprire se il dono si materializzerà sul palco dell’Ariston.

 

METTERE LE MANI AVANTI è sempre buona abitudine. Maria De Filippi lo fa mettendo in toto questo Sanremo nelle mani di Carlo Conti. Che, poi, di fatto è il direttore artistico di un Festival di cui ha scelto canzoni (e soprattutto artisti), perché, onestamente parlando, di molte delle canzoni sentite si potrebbe serenamente fare a meno. Dopo aver preteso di cambiare i titoli:

Maria De Filippi a Sanremo 2017

Maria De Filippi a Sanremo 2017

“Condotto da Carlo Conti e Maria De Filippi” in “Condotto da Carlo Conti con Maria De Filippi” («Perché – ha spiegato – corrisponde a una realtà che deve esserci anche nei titoli di testa. Quando faccio il mio programma ci lavoro dalla A alla Z, in questo caso ritengo che il lavoro fatto da Carlo sia predominante»), Nostra Signora degli ascolti si è affrancata anche dai risultati d’ascolto. «Per questo non mi sentirò responsabile degli ascolti di Sanremo». E ancora. «Non penso che esista il pubblico di Carlo e quello di Maria, il pubblico non aumenta se ci metti insieme. Il pubblico che guarda Sanremo è maggiore di quello dei miei programmi e non penso che con me arriveranno i giovani». I dubbi restano. Chiederemo lumi se qualcuno passato alla corte di Maria dovesse risultare vincente al televoto più dei solito noti cui i telespettatori di Conti sono abituati.

Mariella Caruso

About the author

Mariella Caruso

Leave a Comment