spettacolo e tivù

Da Amici a Sanremo senza passare dal via

Lele (Foto ufficio stampa Rai Iwan)

Lele (Foto ufficio stampa Rai Iwan)

Maggio 2016, finale della quindicesima edizione di Amici. Al talent show condotto dalla signora acchiappascolti di Mediaset Maria De Filippi al rush finale arrivano tre cantanti e un ballerino. I tre cantanti sono lo statunitense Sergio Sylvestre, che sarebbe da lì a poco sarebbe stato proclamato vincitore; Elodie Di Patrizi, la ragazza dai capelli rosa, seconda classificata del talent e Lele Esposito (che strada facendo sono diventati una coppia), primo eliminato di quella serata a favore del quasi omonimo ballerino Gabriele Esposito.

Febbraio 2017, Festival di Sanremo. Sul palco del teatro Ariston c’è Maria De Filippi, concessa in prestito da Mediaset alla Rai, per co-condurre la rassegna delle “larghe intese”. Sul palco, uno alla volta, in ordine sparso, tra i Big e le Nuove proposte sfilano il vincitore di Amici Sergio Sylvestre in gara tra i Big con Con te scritta da Giorgia; la seconda classificata Elodie Di Patrizi sempre tra i Big con Tutta colpa mia firmata da un’altra ex di Amici, Emma Marrone, e la “medaglia di legno” Lele Esposito con Ora mai che si prende la rivincita su Amici andando a vincere le Nuove proposte.

Sono passati otto mesi e poco è cambiato, tranne la rete di messa in onda: Rai1 al posto di Canale5. Elodie e Lele sono ancora una coppia. Sergio Sylvestre ed Elodie si sono contesi a lungo i favori del pronostico con Fiorella Mannoia e Al Bano (implacabilmente eliminato dal televoto). Maria De Filippi è sul palco, ma affermano i tre, tutto è molto diverso perché il Festival di Sanremo non è Amici.

«Il palco dell’Ariston è molto diverso da quello di Canale5. Amici è un talent dove si fa spettacolo, dura molti mesi e i telespettatori che decidono di votarci ci conoscono bene – fa notare Sylvestre -. Al Festival di Sanremo, invece, sei un cantante e basta: sali sul palco, fai la tua gara da solo con la tua canzone».

«L’ansia, però, è sempre tanta quando si tratta di cantare davanti tantissime persone – aggiunge Elodie -. Di sicuro il Festival di Sanremo sulle spalle ha una storia che pesa su chi partecipa. L’emozione aumenta quando ci si ferma a pensare che su quel palco hanno cantato tanti grandi veterani della musica italiana».

Più defilato Lele. «La differenza tra Amici e il Festival di Sanremo è totale e so che anche Elodie e Sergio la pensano come me. Non c’è alcuna linea di congiunzione tra i due, al di là della conduzione di quest’anno. Questo non vuol dire ci sentiamo più a casa solo perché c’è Maria», si espone il giovane cantautore napoletano che, nonostante i sei anni di differenza, ha conquistato il cuore di Elodie con la quale vive, lontano dai riflettori, la propria quotidianità senza alcuna invidia nonostante il lavoro in comune. «Con Elodie ci sosteniamo a vicenda come penso farebbero tutte le coppie», dice con tranquillità Lele che, comunque, non è stato in diretta competizione con la sua fidanzata.

Elodie (Foto ufficio stampa rai iwan)Lei, dal canto suo, non parla dell’argomento e si limita a ricordare la telefonata ricevuta da Emma, autrice della sua canzone, alla fine della sua prima esibizione. «La telefonata di Emma è stato un momento molto bello, ci siamo commosse a vicenda e lei era molto felice per me», ammette. L’esibizione di Elodie ha convinto anche Lele e Sergio. «Penso che quelle di Elodie e Sergio siano state entrambe delle grandi esibizioni – afferma Lele -. Loro due hanno fatto veramente loro il palco in maniera molto straordinario». «Elodie l’ho vista trasformarsi dopo Amici – continua Sergio -. È diventata molto elegante e si è perfettamente adeguata al palco sanremese. Lei, del resto, sognava di parteciparvi ed è qui. Per quanto mi riguarda io sono ipercritico: sono felice della mia esibizione ma so che posso dare di più. Però è anche la prima volta che canto in italiano e questo mi ha fatto molto emozionare».

 

Sergio, però, al contrario di Elodie non ha ricevuto una telefonata dalla sua autrice Giorgia impegnata anche lei, come superospite, sullo stesso palco. «Nonostante tutto mi ha mandato un messaggio di incoraggiamento prima che salissi sul palco e l’ho apprezzato tantissimo. E poi ho apprezzato la sua esibizione, è una cantante meravigliosa», rivela Sylvestre che non se la sente di assegnare la vittoria a qualcuno. «Spero che vinca il migliore», dice convinto. È un quintetto di preferenze quello di Lele che mette in fila «Occidentali’s Karma, una canzone che non mi aspettavo, Mannoia, Bravi, Elodie e Sergio. Mi è piaciuto anche Samuel. Ecco, menomale che non sono io il giurato». Decisa e risoluta, invece, Elodie. Il suo voto va a Fiorella Mannoia, senza se e senza ma.

About the author

Mariella Caruso

Leave a Comment